Le 5 regole per creare il vostro place brand

Le 5 regole per creare il vostro place brand

Nella competizione turistica, mai come adesso, i singoli territori si trovano a misurarsi fra di loro in qualità di singole entità, o meglio come unico prodotto turistico.

Essere in grado di indirizzare i flussi turistici è possibile attraverso sempre più sofisticate attività di marketing, a partire dalla creazione del proprio place brand, che può essere riferibile ad una città, un paese, una regione, una valle ecc…. utile a comunicare il proprio territorio attraverso il proprio marchio (Brand).

Il brand è un nome, uno stile, un design, un logo che vi renderà riconoscibili nell’oceano dell’offerta turistica.

Così come le aziende utilizzano il proprio brand per comunicare i loro valori, la loro offerta, i loro obiettivi, così il vostro brand comunicherà all’esterno il vostro territorio e le sue peculiarità.

Il punto di partenza è conoscere le proprie peculiarità, stilando una lista di cosa offrire, quale è il proprio prodotto. Conoscere i propri punti di forza e cosa poter offrire ai turisti, vi permetterà di stabilire che tipo di offerta proporre: turismo balneare, turismo culturale, turismo enogastronomico ecc..

Stabiliti i vostri punti di forza, consigliamo di seguire queste semplici 5 regole per poter creare un place brand vincente.

In sintesi:

  1. Individuate il vostro target
  2. Scegliete 3 concetti che vi rappresentano
  3. Individuate uno stile unico
  4. Scegliete il vostro nome
  5. Create il vostro logo
Foto di Comfreak da Pixabay

Individuate il vostro target

Una volta individuata la vostra offerta, potete iniziare a stabilire il vostro mercato di riferimento. La scelta del target dovrà essere commisurata sul prodotto offerto, sulla capacità di soddisfare i fabbisogni dei clienti, sulle possibilità di andare incontro alle loro esigenze, trasporti, alloggi ristorazione, centri convegni, attrazioni, ecc…

La qualità e quantità dei servizi vi permetteranno di fare un primo screening del vostro cliente tipo.

Elencate cosa potete offrire e associate alle vostre peculiarità la tipologia di cliente ideale, in base all’età, alla fascia reddituale, al motivo del viaggio, in altre parole individuate chi è il turista.

Ad esempio, per un piccolo borgo lontano dai centri urbani, è preferibile puntare ad un’utenza di nicchia, di conseguenza un target composto da una fascia di età media, con una capacità reddituale medio alta e così via.

Con riferimento al medesimo territorio è possibile individuare diversi target purché non in conflitto fra di loro, ad esempio un target giovanile ed un target rappresentato dai gruppi scolastici.

Scegliete 3 concetti che vi rappresentano

Una volta stabilito su che tipo di turismo puntare ed il vostro posizionamento nel mercato, iniziate a stabilire come comunicare verso l’esterno.

Un esercizio semplice è quello di scegliere 3 concetti che possono descrivere chi siete e cosa offrite. Stilate una lunga lista di parole che possono essere riferite al vostro territorio e scegliete le 3 parole che rappresentano la vostra univocità rispetto ai vostri diretti competitor.

Individuate uno stile unico

I messaggi ed i valori che volete trasmette all’esterno, individuati al punto precedente, dovranno attenersi ad una specifica cifra stilistica. In altre parole, il vostro stile sarà frutto della scelta dei colori da utilizzare, il font, le modalità di comunicazione e le parole da usare. Avere un proprio stile significa essere riconoscibili dal pubblico, ed in particolare per il vostro pubblico.

Se il vostro target è un pubblico giovanile allora un font più informale, o colori più vivaci, possono essere più indicati. Viceversa per un pubblico più adulto sarà preferibile uno stile più raffinato ed un linguaggio forbito.

E’ sempre importante scegliere uno stile che vi differenzi dai vostri competitor.

Scegliete il vostro nome

Scegliere il nome vuol dire in primis esaltare la vostra identità. Il nome è il cuore pulsante del brand, il nome influirà su tutte le attività ed i mezzi di comunicazione. Ci sono diverse strade per poter scegliere il nome, ma è importante trovare un nome che sia immediatamente riconducibile al vostro territorio.

Esempio, quando si parla della città eterna viene subito in mente Roma, o Vegas per promuovere Las Vegas Valley. Infine è molto efficace associare al vostro nome uno slogan breve ed efficace.

Create il vostro logo

Se il nome è il cuore del vostro brand, il logo è sicuramente la vostra identità visiva. Curare il design del logo è fondamentale per instaurare nella mente del vostro pubblico un’immagine che li riconduca subito al vostro territorio. Una tecnica semplice ed efficace è quella di sfruttare i simboli del vostro territorio. Per alcune città come Parigi o Pisa è banalmente facile trovare un’immagine simbolo, ma non dimenticatevi che prima di arrivare al design del logo avete già stilato una lista dei vostri punti di forza, che sarà il cesto dove pescare le idee migliori. Infine non dimenticatevi che avete già scelto il vostro stile che dovrà essere coerente con il design del logo, in termini di colori, font ecc…

Le 5 regole alla fine vi permetteranno di realizzare un place brand vincente, con un nome, uno stile, un logo ed il suo slogan.

Prima di lanciarvi nella pubblicazione del vostro brand vi consigliamo di iniziare raccogliendo il feedback da un piccolo gruppo di persone al fine di essere coscienti sulla percezione che il vostro target ideale ha del vostro brand. Raccolti tutti i feedback sarete coscienti se avete raggiunto il vostro risultato, rendere identificabile il vostro territorio in un oceano di competitor.

Infine è fondamentale ricordare che qualsiasi cambiamento dei presupposti iniziali, quali peculiarità del territorio, target o servizi offerti si riflette sul vostro brand che dovrà essere adeguato di conseguenza.

Leggi anche

Instagram

Più letti

5 città europee da non perdere nel periodo invernale

Le 5 città europee da non perdere nel periodo invernale Con l’estate ormai alle porte è piacevole iniziare a pianificare i prossimi viaggi invernali scegliendo...

Paul Bricius: chiacchierata con Luca Traina

Paul Bricius: chiacchierata con Luca Traina Per tutti gli appassionati dal mondo dell'enoturismo, il team di prontiperpartire.it ha intervistato un esperto del settore: Luca Traina,...

5 cose da controllare prima di partire per le vacanze

5 cose da controllare prima di partire per le vacanze Organizzare le vacanze è uno dei piaceri della vita, un momento in cui con la...

Gambino Vini: chiacchierata con Andrea Trovato

Gambino Vini: chiacchierata con Andrea Trovato Etna, mare e vino, il team di prontiperpartire.it incontra Andrea Trovato, responsabile marketing di Gambino Vini azienda vitivinicola...

Cosa vedere a Messina in un giorno?

Cosa vedere a Messina in un  giorno? Durata: 7 ore Difficoltà: Bassa Percorso: 3 km Costo p.p.: Basso Come muoversi: A piedi Regina dello stretto, Messina è la  città di...